Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
magnify
formats

Quartiere “I Passi” di Pisa: un quartiere intelligente

Il momento della installazione del DAE

Si e’ svolta Domenica 19 Marzo u.s. la festa della prevenzione al popoloso quartiere “I Passi” di Pisa.

In tale occasione e’ stato inaugurato il DAE pubblico n* 380 della nostra campagna, che e’ stato installato sotto il loggiato della piazza principale del quartiere. La macchina salvavita e’ stata donata dal Kiwanis Club di Pisa.

Nel pomeriggio abbiamo illustrato le tecniche di massaggio cardiaco e di uso del defibrillatore e le manovre di disostruzione delle vie respiratorie nell’ adulto, bambino e lattante.

Presenti ovviamente gli amici della GrandeGio’ Onlus, da sempre in prima linea con noi per la diffusione dei DAE nelle scuole.

Sono stati raccolti fondi per un’altro DAE da installare a breve  in un altro quartiere di Pisa.

Molte le persone da ringraziare :   il Dott. Raffaello BARBIERO  Presidente del Kiwanis Club, il Presidente del Consiglio Comunale  Avv. Ranieri DEL TORTO, l’ Assessore Sandra CAPUZZI , l’ Assessore Marilu’ CHIOFALO, la Dott.ssa Federica CIARDELLI  che sono intervenuti di persona alla festa.

Un ringraziamento dovuto a Matteo BARONTI e Giuseppe BEVILACQUA che hanno permesso l’organizzazione della festa

Un ringraziamento particolare all’ideatore e conduttore della giornata, Michele FABOZZI, per la perfetta organizzazione dell’evento.

A breve organizzeremo i Corsi gratuiti BLSD per la popolazione del quartiere

per altre foto dell’ evento clicca qui:   Read more…

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Empoli: un’altra scuola cardioprotetta

Il DAE installato nella Scuola

 

 

Sabato scorso siamo stati invitati a tenere il nostro consueto corso BLSD gratuito presso il Scuola “C.Colombo”, in via Ponzano 43, dove e’ stato installato un DAE.

Il corso ha suscitato molto interesse fra le insengnanti ed il personale delle scuole, ai quali abbiamo illustrato non solo le tecniche di massaggioc ardiaco e di defibrillazione precoce , ma anche di disostruzione delle vie aereee nell’adulto, bambino e lattante.

Alle Direttrice ed a tutti loro un grazie per la ospitalita’

Con questo siamo giunti a quota 379 DAE pubblici

 

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Fine vita

Il nostro primo DAE, installato il 27.12.2007

Ha smesso di lampeggiare rosso, discretamente e a suonare per attirare attenzione.

Il mio primo defibrillatore pubblico, installato a Calci il 27 Dicembre 2007, ha smesso di funzionare, 

Gli avevo cambiato sia le piastre che la batteria 4 anni fa, ma ora si e’ stancato.

Al posto suo, per il momento , ho piazzato un “muletto” cioè un DAE di emergenza , che e’ capace di salvare le vite come il precedente. 

Non mi prendete in giro, lo so che parliamo di macchine fatte di transistor e condensatori…fili batterie…

Ma UGO ..il nostro primo DAE pubblico  ci ha lasciato.

HA visto migliaia di persone passare davanti alla sua teca, concittadini, turisti…

Ma anche lui e’ giunto a fine vita, come accade anche a noi umani,  che invece crediamo di essere eterni.

Verra’ sostituito da un giovane DAE, ancora più’ preciso ed efficace.

UGO e’ stato attivato a Calci una sola volta, e non e’ riuscito a salvare la vita a quel 90enne in bicicletta, perché’ quando cadde era in asistolia, aritmi NON defibillabile, e lo disse ad alta voce.

Ma concedetemi un momento di riflessione a questa macchina, da sempre pronta salvare vite.

Ci assomiglia molto.

Viene un tempo per tutte le cose, anche per le celebrita’ (la sua fotografia e’ comparsa sui giornali di tutta Italia) e la sua foto ci ha sempre accompagnato nei nostri corsi, vantandocene.

Non penso che il nostro DAE numero UNO abbia un anima, perbacco, e’ un ammasso di elettronica…. ma quando l’ho tolto dalla sua teca, dopo dieci anni, un po’ di tristezza mi ha appannato gli occhi.

Perché’ anche noi  invecchiamo, e  raggiungiamo il nostro…fine vita.

E a noi non basta una batteria o piastre nuove come spero bastino a UGO per rianimarsi, noi invecchiamo senza possibilità’ di pezzi di ricambio.

E un po’ di tenerezza per questa macchina ammetto di averla, e molti mi giudicheranno stupido.

Ma e’ stato il primo defibrillatore pubblico, nel 2007, ora siamo arrivato a metterne 378…

Tranquillo UGO, non finirai mai nella spazzatura. Starai qui sulla scrivania, finche’ anche io ci sarò’.

Il DAE che ha cardioprotetto i calcesani per 10 anni

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Con la gente, per la gente

“Il Tirreno” 15.3.17

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments