Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
magnify
formats

Un grande onore

Si e’ tenuta lo scorso 13 Dicembre la Cena di Gala della 46esima Brigata Aerea : come ogni hanno si e’ svolta al fine di organizzare una raccolta fondi da distribuire in beneficienza.
Quest’anno la raccolta fondi e’ stata organizzata per la nostra Onlus, e questo ci ha riempito di orgoglio, per diversi motivi.

Non solo perche’ e’ stata raccolta una cifra enorme (15 mila euro, che ci permetteranno di installare 10 postazioni DAE complete – già’ ordinate), ma per molti altri motivi.

Siamo da anni amici della 46esima in quando abbiamo tenuto diversi corsi BLSD ai militari dellaBrigata, ed al tempo stesso tale Brigata e’ famosa in tutta Italia ed in tutto il mondo per i suoi interventi in favore del mantenimento della pace e la distribuzione di aiuti ovunque ve ne sia bisogno. 

Un lavoro incessante , 24 ore su 24 , 365 giorni all’anno. Un equipaggio e’ pronto a partire  entro 3 ore dalla richiesta. Un lavoro immane, silenzioso, ed indispensabile.

Il Prof Franco MOSCA, in qualità’ di Presidente della Fondazione ARPA,  ha voluto donare un DAE per cardioproteggere la palazzina del Comando della 46esima, con una targa (che vedete in alto )  che enfatizza proprio questa attività’ della Brigata.

E’ il DAE n* 473 della nostra Campagna contro la morte improvvisa.

E gia’, anni fa, avevamo tenuto alcuni corsi gratuiti BLSD al personale della Brigata e provveduto alla installazione di 10 DAE nella base militare.

Un altro motivo e’ che ho sentito forte il calore e la stima della città’ di Pisa, per ciò che la nostra Onlus da 11 anni ormai ha fatto in termine di cardioprotezione e di salvamento di vite umane.

Dodici persone vivono oggi grazie alle scariche dei nostri apparecchi e di questo penso sia giusto essere orgogliosi.

E’ stato il riconoscimento di tanti lunghi anni di lavoro quotidiano , in silenzio, faticoso, pesante , umile ma al tempo stesso affascinante.

Ci sono molte persone da ringraziare e cominciamo dal Generale Girolamo IADICICCO , comandante della Brigata aerea che ho avuto il piacere di conoscere assieme alla sua famiglia:  ho promesso a lui  di utilizzare innanzitutto queste postazioni DAE ad iniziare dalla scuole di Pisa ancora non cardioprotette. Sono onorato che abbia riposto la sua fiducia in me e nella nostra Onlus.

Il Prof. Franco MOSCA, presidente della Fondazione ARPA, che da anni ci fornisce defibrillatori per la cardioprotezione di luoghi importanti della nostra meravigliosa città’.

Il Dott. Giuseppe GARCEA che e’ stato il primo a contattarmi e proporre la nostra Onlus quale beneficiaria della raccolta fondi.

Il Notaio Angelo CACCETTA per la sua presenza e precisa raccolta fondi per la donazione

Il Direttore della Fanfara della Prima Regione Aerea , Luogotenente e Maestro Alessandro MACCIOMEI che con la sua orchestra di 30 elementi ci ha allietato la serata.

I ragazzi della Scuola Alberghiera “G. Matteotti” di pisa che hanno servito la cena, impeccabili e simpatici.

Il personale tutto della 46esima per la perfetta organizzazione dell’evento ma ancor più’ per tutto ciò’ che fanno in Italia e nel mondo per la nostra sicurezza.

Un sincero grazie di cuore a tutti loro da me, dal Vice Presidente Michiyo TAKAGAWA, da Carlo GIANNOTTI e da Fabrizio BONINO, persone senza le quali tutta la nostra attività’ non avrebbe potuto esistere ed espandersi.

 

Maurizio Cecchini – Presidente CecchiniCuore ONLUS

 

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

CecchiniCuore dona il DAE n* 472 al Teatro di Cascina

Il teatro di Cascina è cardioprotetto

11/12/2018 • Comune, Servizi, Sociale

Il teatro di Cascina è cardioprotetto

Adesso anche La città del teatro di Cascina è cardioprotetta, grazie al defibrillatore che l’associazione Cecchini Cuore Onlus ha consegnato nelle mani del sindaco di Cascina, Susanna Ceccardi.

«Ogni anno in Italia ci sono 70mila persone colpite da arresto cardiaco improvviso – ha detto il dottor Maurizio Cecchini durante la consegna avvenuta ieri, lunedì 10 dicembre – e la metà potrebbe essere salvata grazie ai defibrillatori. Come associazione abbiamo installato circa 450 defibrillatori a Pisa e provincia, che sono stati usati 18 volte, da passanti, e in 12 casi le persone sono state salvate. Da anni ci impegniamo a fare sistema, a istruire le persone all’uso dei defibrillatori ed è proprio grazie alle persone, alle istituzioni sensibili, a chi vuol essere informato e a chi si impegna ad informare che si basano questi risultati».

«Incredibilmente nel nostro teatro non era ancora presente un defibrillatore – ha detto Susanna Ceccardi, sindaco di Cascina – eppure lì, a capienza piena, sono presenti contemporaneamente oltre 700 persone. Oggi, grazie alla donazione della associazione Cecchini Cuore Onlus il defibrillatore c’è. Maurizio Cecchini è un’istituzione sulle tematiche del cuore, per la battaglia che porta avanti per installare defibrillatori, una vera e proprio battaglia per la vita, e con i corsi che organizza per insegnare ad usarlo al meglio. Anche se queste macchine possono essere usate seguendo le istruzioni della voce guida, è una garanzia in più sapere come funzionano». «Con le nostre quattro farmacie comunali stiamo promuovendo molte iniziative sociali e di prevenzione – ha aggiunto il sindaco – e una di queste è stato “Lo spettacolo del cuore”, andato in scena lo scorso 30 novembre».

«Lo spettacolo è andato molto bene – hanno spiegato Marco Ruocco, amministratore unico di Sogefarm Srl, e Cristina Salvadori, coordinatrice delle farmacie comunali- le presenze sono state circa 650. Quando abbiamo pensato a rappresentare “Lo spettacolo del cuore” avevamo anche l’idea di donare noi, come farmacie comunali, un defibrillatore alla Città del teatro, ma il dottor Cecchini ci ha anticipato. Ciò vuol dire che adesso potremo installare un defibrillatore in più sul territorio. Grazie all’Amministrazione comunale e al dottor Cecchini».

Uno dei luoghi dove potrà essere installato il nuovo defibrillatore potrebbe essere proprio la farmacia comunale di Cascina.

«Sul territorio c’è molta sensibilità su questa tematica -aggiunge Leonardo Cosentini, assessore alla cultura e allo sport di Cascina – molte scuole e impianti sportivi hanno già in dotazione i defibrillatori ma non è mai abbastanza l’attività di prevenzione da fare, in particolare verso i giovani, che passa in primis da una sana e corretta attività fisica».

«La campagna, che nasce dall’esperienza professionale del dottor Cecchini, da tutti molto stimato e conosciuto, merita la massima divulgazione – dice l’onorevole Donatella Legnaioli, assessore alla polizia municipale e al personale di Cascina- più defibrillatori mettiamo, più vite salviamo».

«Oltre che nei luoghi pubblici al chiuso più frequentati, come possono essere le scuole o gli impianti sportivi, dove la loro presenza è fondamentale, la nostra associazione cerca di sensibilizzare alla installazione di defibrillatori anche in spazi pubblici all’aperto – spiega Michiyo Takagawa, vice presidente della Cecchini Cuore onlus – perché può capitare un’emergenza anche quando il teatro è chiuso, quando la farmacia è chiusa, e il macchinario diventa irraggiungibile. Un defibrillatore su un muro, in un luogo pubblico, è invece sempre a disposizione di chiunque e in qualunque momento».

«Ringrazio l’associazione Cecchini Cuore per il prezioso dono, che rende il nostro teatro un luogo più sicuro per tutti i suoi spettatori e frequentatori» ha dichiarato Antonia Ammirati, presidente della Fondazione Sipario Toscana onlus.


Scarica Municipium

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Piccoli grandi attori.

 

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

CecchiniCuore in TV in Sicilia

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments