Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
magnify
Home Medicina Varie Dacci oggi la nostra idiozia quotidiana
formats

Dacci oggi la nostra idiozia quotidiana

Oltre 7.300 posti letti in meno negli ospedali. E’ il taglio previsto dalla riorganizzazione della rete ospedaliera, alla luce dei parametri fissati dalla spending review. Non c’è motivo di allarmarsi, però, secondo il ministro della Salute, Renato Balduzzi: “La preoccupazione ‘Oddio, non ci sarà il posto letto per me’ non ha ragion d’essere. I numeri che diffondiamo oggi servono anche a sedare questi timori”, ha affermato nel corso di una conferenza stampa al ministero per fare chiarezza sugli effetti delle ultime manovre per il riequilibrio dei conti.

Nel dettaglio, secondo la tabella diffusa oggi dal ministero, i posti letto passano dai 231.707 censiti al primo gennaio 2012 a 224.318 dopo la spending review: i posti per acuto devono essere ridotti da 195.922 a 181.879, con un taglio di oltre 14 mila unità, mentre quelli per la post-acuzie devono aumentare da 35.785 a 42.438. Il ‘saldo’ finale è di 7.389 posti in letto in meno nel complesso, con differenze anche significative fra le regioni.

Trattoda Quotivadis

 

Puoi commentare liberamente premendo su “Comments”  qui in basso a destra.

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
2 Comments  comments 

2 Responses

  1. In compenso abbiamo ordinato 90 cacciabombardieri F35 alla modica cifra di 127 milioni di dollari l’uno, mentre il Canada ha rinunciato all’acquisto dei 65 suddetti aerei “perche’ troppo costosi”.

    • Michiyo Takagawa

      Probabilmente i cacciabombardieri serviranno a eliminare quei malati che sono di troppo così che si verifichi la predizione che i tagli non penalizzeranno i malati e ci saranno sempre letti per tutti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE! Rispondi alla verifica: *