Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
magnify
Home Editoriale Devo dire grazie
formats

Devo dire grazie

Si chiude quest’anno faticoso e bellissimo  per tutta la nostra comunita’

Tanti risultati  (475 DAE pubblici…) , tante vite salvate (12) , 18.000 persone formate a fronteggiare l’arresto cardiaco, scuole, quartieri, fabbriche e città’ cardioprotette.

Un impegno che avrebbe messo in ginocchio  una multinazionale…

Eppure ce l’abbiamo fatta, in sole 4 persone  e il prossimo anno sara’ ancora ricco di notizie migliori, ne sono certo.

Ma tutto questo grazie a persone meravigliose che meritano di essere nominate e ringraziate una ad una, perché’ hanno sacrificato tempo prezioso, fatica , chilometri per tutto questo.

E negli articoli dei giornali non sono mai menzionati.

Senza di loro CecchiniCuore Onlus sarebbe una bocciofila di periferia.

Inizio con la Vice Presidente  Michiyo TAKAGAWA, amica indissolubile , che con pazienza e rigore nipponici mi guida nelle scelte difficili,  non si occupa solo di grafica e di registrazione dei nostri allievi.

Mi sgrida quando e’ giusto farlo. Ferma nelle sue posizioni ed intelligente nelle soluzioni. Seppur lontana logisticamente (abita in quel di Torino) e’ come se vivesse nella casa accanto. Un privilegio averla come amica.

Un grazie a Carlo GIANNOTTI, al quale mi legano anni di medicina di urgenza e rianimazione: la sua esperienza, precisione ed affidabilità’ sono ineguagliabili. E’ come il vino buono, non si può descrivere a parole. . Sempre presente e sempre perfettamente adatto ed indispensabile in ogni necessita’.

Un grazie a Fabrizio BONINO, che non e’ solamente il regista e fotografo ufficiale dei nostri eventi e dei nostri spot televisivi. E’ un amico caro e puntiglioso presente ogni volta che ve ne sia bisogno , con i manichini e gli striscioni dell’associazione. Un animo meravigliosamente libero e pulito.

Un grazie a Luca FRANCESCONI,informtico,  che regge questo sito divenuto importante, con quasi 1.200.000 visitatori dei quali 200 nuovi al giorno. Di una pazienza che Giobbe sarebbe a confronto un Hulligan inglese, quando gli messaggio alle 5 la mattina che il sito non e’ raggiungibile e poi mi accorgo che non sono collegato ad Intenet….

Un grazie infine al mio amico UGO:  quante mani lo hanno massaggiato , quanti viaggi in macchina, moto ed aereo …. Non ti lamenti mai. il che non e’ certo un difetto.

 

Insomma… grazie a queste persone siamo riusciti a fare ciò’ che decine di persone pagate  che istituzionalmente dovrebbero fare e che invece non fanno : insegnare il massaggio cardiaco e la defibrillazione precoce , ovunque.

Buon anno nuovo amici miei e grazie di cuore per ciò’ che avete fatto per la comunita’.

Maurizio Cecchini

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
4 Comments  comments 

4 Responses

  1. Fabrizio Bonino

    C’è chi dice cosa fare alla gente e chi la convince dando un esempio. Le persone che danno il buon esempio sono le migliori e noi siamo tutti orgogliosi di seguire il tuo di poter essere di esempio per gli altri. Per citare qualcuno, musicalmente, per me “abbastanza” caro:

    “Hey you!
    Don’t tell me there’s no hope at all
    Together we stand
    divided we fall”
    (Hey you – Pink Floyd)

    Buon anno grande Uomo.

  2. Fabrizio Bonino

    Alcune persone (molte) ti obbligano, in un modo o nell’altro, a fare certe cose…altre ti danno solo una direzione da seguire con il loro buon esempio e poi ti concedono la possbilità di scegliere. Noi stiamo solo “passeggiando” sulla strada che ci hai indicato e siamo contenti ed orgogliosi di poterla mostrare anche ad altri. Per citare un gruppo musicale che mi garba “un popoìno”:
    “Hey you!
    Don’t tell me there’s no hope at all
    Together we stand
    divided we fall”
    (Hey you – The Wall – Pink Floyd)

    Buon anno grande Uomo

    • Grazie fabrizio, hai scritto cose difficili da commentare. Indico una strada che io penso sia giusta. E lo penso sinceramente. Non e’ tanto il tempo che la gente impiega per capire che sia la strada giusta. L importante che al bivio imbocchi quella giusta . Che poi ci metta mesi o anni a percorrerla e’ una cosa diversa. Grazie pero’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE! Rispondi alla verifica: *