Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
magnify
formats

Insegnare ridendo

 

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
1 Comment  comments 
formats

Le Vele del Cuore

Published on 23 Marzo 2019 by

Si è svolto mercoledi 20 marzo l’ennesimo corso, da me organizzato, che il Dr. Maurizio Cecchini della Cecchini Cuore ONLUS ha tenuto a Lucca.
Questo evento è stato possibile grazie all’impegno e alla volontà di Alberto Simonetti dello Sporting S. Donato e dall’inesauribile Giampaolo Mattonai (che ringraziamo) del Tennis Club Le Vele.

Numerosissime le persone che hanno potuto assistere al corso del Nostro, apprendendo così le manovre con cui è possibile soccorrere una persona in arresto cardiaco: dalla prima verifica dello stato di coscienza alle conseguenti azioni per la rianimazione cardiopolmonare e l’utilizzo del DAE. Fra di loro anche Davide Camilli, guida di rafting nonchè Presidente Pro loco di Bagni di Lucca e amministratore del gruppo Facebook “Sei lucchese se…” al quale va un mio particolare ringraziamento.
Come in tutti i corsi, si è cercato di far capire come e perchè il massaggio cardiopolmonare sia fondamentale anche e soprattutto in attesa del defibrillatore e come assolutamente si deve evitare la respirazione bocca a bocca (a meno che non ci si trovi di fronte a un bambino molto piccolo, un affogato o a un paziente in overdose da oppiacei).

Purtroppo è stato sottolineato, specialmente da me, come in alcuni corsi (molti dei quali a pagamento) questi concetti non siano ancora ben chiari e certi istruttori, oltre a non sapere niente di medicina e a non informarsi, cosa peraltro molto semplice nell’epoca in cui viviamo, continuino ad insegnare ai laici le manovre sbagliate (compresa la respirazione bocca a bocca), senza sapere nemmeno il motivo per cui lo sono. (non si può usare il DAE su una strada bagnata e va assolutamente trasportato il paziente in un luogo asciutto ???????…sentito con le mie orecchie)

Ma non infieriamo e stendiamo un velo pietoso.

Alla fine della serata è stata scattata, come da rito, la foto finale con tutti i partecipanti (dove ovviamente io non compaio mai) e un lungo applauso ha accompagnato il termine del corso (come sempre totalmente gratuito) e molte persone si sono dirette verso il Dr. Cecchini per porgli qualche domanda più diretta.

Ci tengo a  ringraziare tutti quelli che hanno reso possibile questa serata, tutti i partecipanti e ovviamente l’inesauribile Dr. Maurizio Cecchini (che prima o poi, se continua così, dovrò rianimare in diretta) per averci onorato della sua presenza ed aver divulgato la sua conoscenza.

Ci vediamo al prossimo corso.

Fabrizio Bonino

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

Grazie amici Buddisti !!!

 

Grazie di “cuore” al Dott. Maurizio Cecchini

 

L’istituto Lama Tzong Khapa ringrazia il dottor Maurizio Cecchini per aver tenuto nei giorni scorsi un corso BLSD di pronto soccorso e defibrillazione gratuitamente.
I partecipanti ne sono rimasti entusiasti per la professionalità unita alla simpatia nella diffusione della cultura del soccorso e la formazione per le manovre di emergenza.

L’arresto cardiaco improvviso può colpire chiunque in qualsiasi momento (70.000 persone ogni anno, circa 200 ogni giorno) e avere un defibrillatore nelle vicinanze può fare la differenza tra la vita e la morte. L’impiego di tale apparecchiatura è semplicissimo e gli ultimi studi europei hanno dimostrato che con l’impiego del defibrillatore automatico la percentuale di sopravvivenza sale a valori compresi tra il 25% ed il 74%.
La morte improvvisa, qualunque ne sia la causa iniziale, è nel 90% de casi legata, nell’evento finale, all’insorgere di un’aritmia fatale: la fibrillazione ventricolare.
Questa aritmia deve essere interrotta al più presto possibile, altrimenti l’acidosi metabolica che si sviluppa già dopo 2-3 minuti di arresto può vanificare ogni sforzo di rianimazione, anche il più esperto.
E’ impensabile che un’ambulanza possa intervenire nei primi 3-5 fatidici minuti ed è per questo motivo che sono stati ideati i defibrillatori automatici, apparecchi di semplicissimo uso capaci di rilevare le aritmie potenzialmente mortali e di somministrare la defibrillazione automaticamente.
L’Istituto Lama Tzong Khapa è diventato area Cardio – Protetta, tramite l’acquisto di un defibrillatore (DAE, defibrillatore automatico esterno).
Rendere più sicuro il proprio ambito lavorativo è un gesto di grande responsabilità e rispetto nei confronti di tutte le persone che lo frequentano, siano essi dipendenti, ospiti o visitatori occasionali.
Il DAE è stato collocato nell’atrio di accesso, accanto alla segreteria. Ringraziamo i soci e tutti coloro che con la loro generosità consentono all’Istituto di affrontare nuovi progetti e attività come quello dell’acquisto di un’apparecchiatura salva vita.

Il direttore dell’Istituto Michele Cernuto ha donato al dott. Cecchini una thangka del Buddha della medicina come segno di riconoscimento e di buon auspicio per le attività dell’Associazione Cecchini Cuore.
Un ringraziamento di cuore anche a Fabrizio, staff volontario della Cecchini Cuore Onlus, per l’assistenza alla comunicazione.

Il Dott. Maurizio Cecchini è specialista in cardiologia dal 1985. Lavora presso lìAzienda Ospedaliera Universitaria Pisana e da più di 30 anni si occupa di medicina d’urgenza e di rianimazione precoce. E’ presidente di Cecchini Cuore onlus. Vai alla biografia completa >

Cecchini Cuore Onlus
L’associazione tiene gratuitamente a chi ne fa richiesta la formazione con la relativa certificazione all’uso dei DAE.
Per ulteriori informazioni sull’Associazione o su come partecipare alla campagna “Tre minuti per il cuore” visita il sito www.cecchinicuore.org o scrivi a cecchinicuore@gmail.com

 

 

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments 
formats

A Rimini, per un progetto importante

Pubblico con piacere questo articolo di Simona Buono, CEO di DonneDistribuisconoDefibrillatori, sul Corso BLSD gratuito che abbiamo tenuto il 9 Marzo scorso a Rimini A 60 Farmacisti.

 

Come sconfiggere la paura di pigiare un tasto? 60 farmacisti Alliance Healthcare formati dal professor Cecchini e da Simona Buono

Prosegue il progetto di cardioprotezione e formazione delle farmacie Alliance Healthcare. Il 9 marzo a Rimini, 60 farmacisti hanno partecipato con entusiasmo al corso organizzato da Simona Buono e tenuto dal Professor Maurizio Cecchini, specialista in Cardiologia dell’Università di Pisa e responsabile medico-scientifico di Distribuzione Defibrillatori. Il corso, incentrato sulla disostruzione pediatrica e lattante e sulla rianimazione cardio-polmonare, aveva l’obiettivo di sconfiggere la paura di pigiare un tasto e salvare delle vite.

Siamo rimasti molto contenti e soddisfatti del corso, che è stato utile per la farmacia, ma anche per noi singoli – racconta il dottor Roberto Serofilli – Abbiamo ricevuto informazioni aggiornate e interessanti che ci rendono molto più preparati a un intervento, grazie alla professionalità e l’entusiasmo del professor Cecchini e di Simona Buono. Le persone si aspettano che il personale delle farmacie sia formato anche da questo punto di vista, e siamo felici di poter rispondere adeguatamente all’esigenza della cittadinanza, che vogliamo benefici sia delle nostre competenze che dell’apparecchio. L’abbiamo messo in evidenza in modo che, se necessario, le persone sappiano dove trovarlo. Abbiamo già suggerito ai nostri colleghi di seguire questo corso: lo renderei obbligatorio perché è davvero indispensabile per tutti, ma in particolare per dei farmacisti che lavorano al servizio della salute dei cittadini”.

L’idea di cardioproteggere le farmacie è nata dai nostri amministratori delegati, che hanno fortemente voluto la presenza del defibrillatore nelle nostre strutture e si sono affidati alla professionalità di Simona Buono – spiega la dottoressa Antonella Agostini – Il corso è stato indispensabile per essere sicuri, nel caso di necessità, di utilizzarlo in maniera corretta. È importante che i cittadini vedano che il defibrillatore c’è e ci prendano come punti di riferimento per qualsiasi emergenza, ma anche per farci delle domande e informarsi sull’importanza della cardioprotezione. Il professor Cecchini e Simona Buono ci hanno tolto la paura di intervenire in caso di emergenza, e con la loro simpatia hanno fissato nelle nostre menti dei concetti che con la solita banale lezioncina ci saremmo probabilmente subito dimenticati. Ilcorso è stato interessantissimo e decisamente migliore rispetto agli altri che abbiamo seguito, che quasi mettono timore. Questo è stato completamente diverso: ci ha tranquillizzati e spronati a fare la nostra parte in caso di necessità. Credo sarebbe importantissimo che anche i cittadini avessero una formazione simile e prendessero consapevolezza della facilità di utilizzare un defibrillatore. Noi ora siamo pronti ad agire e dare il buon esempio”.

Un corso illuminante – conferma la responsabile marketing Alliance Evelina D’Amato – Nessuno aveva idea di quanto sia semplice utilizzare il defibrillatore. Le cose che Simona e il dottor Cecchini ci hanno insegnato sono fondamentali. Hanno saputo tenere la platea in maniere incredibile, nonostante l’argomento fosse così difficile. Hanno reso la serata piacevole e tutti i farmacisti sono stati molto contenti di aver avuto l’opportunità di partecipare. Tutti dovrebbero farlo e prendere consapevolezza dell’importanza della cardioprotezione. Complimenti a Simona Buono e al Professor Maurizio Cecchini da parte d tutti noi”.

 

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
No Comments  comments