Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
magnify
Home Medicina Varie La mamma dei bischeri e’ sempre incinta
formats

La mamma dei bischeri e’ sempre incinta

Leggo dal Tirreno di Oggi…. e rimango senza parole. Una domanda e’ lecita: ma questo Assessore alla Sanita’ chi lo ha eletto? che preparazione ha per programmare un unico 118 che va da Pontremoli all’Isola d ‘Elba? Ma chi e’ questa gente, e chi ce l’ha messa li?

PS: e’ un ingegnere…a capo della Sanita Toscana. Neppure  medico.

Via la guardia medica di notte, il 118 rischia il caos

Da giugno niente più servizi dalle 24 alle 8, in caso di necessità si chiamerà il numero d’emergenza. Che nel frattempo sarà tagl

Presto la guardia medica notturna sparirà per effetto della riforma Balduzzi. Il servizio (che oggi funziona dalle 20 alle 8 del mattino dei giorni feriali e h24 nei festivi e prefestivi) da giugno cesserà a mezzanotte e riprenderà alle 20 del giorno dopo per funzionare solo 4 ore al dì. E tutti coloro che avranno bisogno di un consulto medico nel cuore della notte, e magari di una visita, dovranno comporre il 118.

Proprio il 118 però, nel 2013 verrà a sua volta modificato: con l’obiettivo di razionalizzare il servizio (e i suoi costi) le cinque centrali del soccorso di Livorno, Pisa, Lucca, Versilia e Massa verrano raggruppate in una struttura unica, che dovrà gestire le emergenze di un territorio che va da Pontremoli alla Garfagnana fino all’isola d’Elba, come ha fortemente voluto l’assessore regionale alla sanità Luigi Marroni. E allora la domanda (e soprattutto il dubbio) sorge spontanea: in una situazione complessa come questa, riuscirà il nuovo 118 a sostenere anche le chiamate che fino ad ora venivano tamponate dalla guardia medica, sostituendola anche nelle visite?

Il timore è notevole: Misericordia e Svs, due dei perni su cui è basato il servizio, sono preoccupate. «La decisione di eliminare la guardia medica ricadrà sul 118 e dunque su di noi che effettuiamo il trasporto al pronto soccorso dove tutti vorranno o dovranno andare», dicono. Sembra un paradosso in un momento in cui l’obiettivo è ridurre al massimo gli accessi impropri al pronto soccorso.

E lo stesso direttore della centrale operativa delle emergenze di Livorno, il dottor Francesco Genovesi, non nega: «In questo progetto di riduzione dei punti di emergenza territoriale è difficile pensare all’aumento dei carichi di lavoro sul 118 dovuto alla paventata sparizione della guardia medica notturna. Anche se non si può negare che il lavoro notturno della guardia medica negli ultimi anni è notevolmente diminuito, non si può contemporaneamente pensare a una riduzione marcata del personale dovuta all’unificazione delle postazioni territoriali del 118».

 

One Response

  1. Un ingegnere che decide le sorti della Sanità Toscana. Sarebbe come se io fossi chiamato a controllare la costruzione dei ponti….crollerebbero tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ATTENZIONE! Rispondi alla verifica: *