Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
magnify
formats

Rubato il DAE in Piazza Garibaldi, in ricordo di CARLO GIANNOTTI

 

Questa e’ la postazione DAE installata il giorno 8 Giugno 2020 in Piazza Garibaldi.

Hanno rubato un DAE donato in ricordo di un Collega amico deceduto, e per beffa hanno posizionato all’interno delle scatole di cartone.

Non ho parole per descrivere il disprezzo per queste persone che spero che siano identificate tramite le videocamere della Piazza.

Ovviamente sara’ sporta querela ai CArabinieri, tenendo conto che oltre al reato di furto potrebbe essere postulato il reato di interruzione di pubblico servizio con l’aggravante del fatto che si tratta di apparecchi per la sanita’ pubblica.

Chiunque potesse fornire qualche indizio, se avesse notato qualcuno aggirarsi attorno alla postazione, e’ pregato di contattarci al 338 7228610

Grazie

 
formats

Riposizionato il DAE rubato e ritrovato dai Carabinieri

Una breve cerimonia ha salutato la ‘reinstallazione’ sotto la Torre dell’Orologio in piazza XX Settembre del defibrillatore che era stato rubato alcuni mesi e ritrovato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pisa a Porta a Mare una decina di giorni fa. Presenti Maurizio Cecchini, presidente della Cecchini Cuore onlus, l’assessore alle Politiche sociali, Gianna Gambaccini, le consigliere comunali, Veronica Poli e Brunella Barbuti e il presidente del Consiglio comunale, Alessandro Gennai.“Questo DAE – ha detto Maurizio Cecchini – fa parte degli 8 defibrillatori che erano stati donati dalla 46ª Aerobrigata alla nostra Onlus per cardioproteggere scuole e quartieri. Siamo molto contenti di poterlo di nuovo mettere al suo posto”. “Siamo molto più forti dell’ignoranza di chi li ruba. Non ci fermeranno” ha aggiunto l’assessore Gambaccini.
“Oggi – ha concluso il presidente Gennai – abbiamo fatto un altro passo per la salute dei nostri concittadini. Una bella giornata”.I defibrillatori installati in città sono 544. Prossimamente ne verranno installati uno in piazza Giusti e uno sul litorale a Marina di Pisa. In dieci anni i defibrillatori sono stati utilizzati 20 volte riuscendo a salvare la vita a 17 persone. Il Comune di Pisa è uno dei Comuni italiani più cardioprotetti di tutto il paese. 

 
formats

Ritrovato dai Carabinieri un DAE rubato

Il DAE ritrovato prima di esser stato ripulito, E’ perfettamente funzionante

 

Il DAE posizionato in piazza XX Settembre , sotto la “Torre dell’ orologio”, che era stato rubato qualche mese fa, e’ stato ritrovato durante un’operazione di controllo del territorio degli amici Carabinieri del  Nucleo Operativo e Radiomobile di Pisa, in una zona di degrado nel quartiere di Porta a Mare e ci e’ stato riconsegnato .

Quel DAE faceva parte degli 8 defibrillatori che erano stati donati dalla 46esima Aerobrigata alla nostra Onlus per cardioproteggere scuole e quartieri, e sara’ reinstallato nei prossimi giorni

Un ringraziamento sincero al Nucleo Operativo e Radiomobile di Pisa non solo per questo ritrovamento, ma per tutto cio che fanno giorno e notte per la nostra sicurezza

 

Grazie di cuore

 
formats

Quando il male fa bene

Per una stupida caduta mi sono recentemente fratturato un paio di vertebre. Niente di drammatico.

Ha richiesto pero’ 40 giorni di immobilizzazione a letto e poi un recentissimo intervento chirurgico

Perche’ scrivo queste cose? 

Non certo per informare su fatti personali, ma per descrivere un’esperienza importante nella mia vita.

Quando sei sdraiato ed incapace di muoverti tutto diventa difficile. Quei giorni passati sdraiato mi hanno fatto pensare a tutti coloro i quali , purtroppo spesso a vita, siano costretti alla stessa “tortura” di dipendere dagli altri per ogni cosa anche banale. Io avevo la fortuna di una inabilita’ dolorosa ma temporanea.

Moltissime persone invece vivono questa situazione per sempre.

Inoltre ho trovato nella sanita’ pubblica pisana una professionalita’ eccellente , con medici ed infermieri dedicati totalmente al paziente , per qualsiasi seppur minima necessita’

Perche’ tu sei un loro Collega, diranno molti…..

NO, nel modo piu’ assoluto, ve lo assicuro.

Ero ricoverato in una stanza a 4 letti con perrsone molto meno fortunate di me, tra le quali una donna che aveva, in Neurologia, problemi per compiere ogni piccola cosa.

Ebbene ho trovato – a parte Medici giovanissimi ed eccellenti, mai conosciuti prima che mi hanno operato immediatamente e con ottimi risultati- un personale infermieristico meraviglioso, dedito a queste persone giorno e notte risolvendo loro qualsiasi tipo di difficolta’ che puo’ essere l’alimentarsi, il lavarsi, il bere acqua. 

Piccole meravigliose formichine che giorno e notte li accudiscono costantemente , con affetto, empatia e professionalita’, discrezione.

E quando ho visto questi infermieri alcuni giovanissimi, altri vicini alla pensione, dedicarsi cosi a persone che non conoscono , che non sono persone importanti , accudirli meglio di un loro familiare …beh il cuore mi si e’ aperto.

Perche sono certo che un altro mondo e’ possibile , un mondo migliore, anche se sottopagati e non valorizzati quanto meriterebbero, queste sono persone meravigliose.

Ho sentito il bisogno di esprimere queste mie valutazioni verso gli infermieri che ogni giorno ed ogni notte , di qualsiasi giorno festivo o meno dedicano la loro vita alla cura del prossimo.

Ho imparato ancora una volta tantisimo da loro. 

Grazie amici miei